Siracusa e la sua provincia hanno chilometri di coste dove poter ammirare albe e tramonti mozzafiato, abbiamo cercato di elencarvi le più belle dove poter andare a fare il bagno e godere delle calde giornate che ci accompagnano quasi 300 giorni all’anno.

Le zone balneari della provincia non sono sempre ben collegate dai mezzi pubblici, però è possibile raggiungerle oltre che in auto anche in bicicletta, in scooter o noleggiando una piccola barchetta a prezzi ragionevoli (possiamo consigliarvi delle agenzie di noleggio locali).

Partiamo da Ortigia: se vi trovate nell’isola potete godere di piccoli luoghi più o meno attrezzati e raggiungibili a piedi, quali lo scoglio di ‘Forte Vigliena’ e la spiaggia di ‘Cala Rossa’, qui non è necessario spendere soldi per ombrellone e lettino, potete trovare posto sulle piattaforme installate dal comune durante il periodo estivo ed usufruire gratuitamente anche delle docce. Qui l’accesso al mare è agevolato da scale in metallo che arrivano fino in acqua.

Lungo il perimetro dell’isola potete trovare anche dei solarium privati ricchi di ogni comfort dove poter consumare dei pasti freschi; alcuni turisti preferiscono andare nella piccola spiaggetta dentro il porto grande di Ortigia, magari perché vicino alle proprie residenze, ma a nostro avviso c’è di meglio.

Fuori città, dirigendovi in direzione sud, c’è la Penisola della Maddalena che offre vari accessi al mare, ci sono spiagge e scogliere frequentate dalla gente del luogo; noi dello staff andiamo spesso nella zona denominata ‘Carrozze’ o poco più avanti al ‘Minareto’: in moto, in pochi minuti riusciamo ad andare a fare un tuffo in mare per poi tornare al lavoro, questa zona è frequentata da famiglie e gruppi di giovani.

La zona dell’Area Marina Protetta del Plemmirio conta decine di varchi (oltre trenta) che si affacciano sul mare, più o meno agevoli da raggiungere essendo tutte dislocate sulla scogliera (vi consigliamo scarpe chiuse).

Sicuramente uno dei posti da non perdere è la spiaggetta della Pillirina, luogo splendido ed immerso tra natura e storia: ci sono latomie del periodo greco e basi militari risalenti alla seconda guerra mondiale.

Nella zona del Plemmirio potete trovare dei piccoli lidi e solarium ben attrezzati, potete raggiungerli anche per un aperitivo serale poiché l’ambiente è bello e ben curato dove spesso si alternano Dj per intrattenere la clientela, continuando sulla strada si raggiunge la zona C dell’area marina protetta denominata ‘Fanusa’ dove la striscia sabbiosa corre fino al lido ‘Arenella’.

Prima di giungere al lido Arenella c’è la cosiddetta spiaggia ‘Samoa’ una lingua di sabbia dorata frequentata sia di giorno che di notte per poter combattere la calura e concedersi un bagno a lume di candela, qui c’è un chioschetto dove godere dell’aria frizzante e della distesa di mare azzurro sotto i vostri occhi.

Proseguendo oltre un resort, la costa ritorna ad essere rocciosa tra la Punta Asparano e Capo Ognina dove è consigliato fare snorkeling, questo è un lungo dove abbiamo trascorso innumerevoli giornate grazie agli scogli piatti dove è consentito distendersi comodamente sul vostro telo da spiaggia.

Se vi trovate lungo il Viale dei Lidi in località Fontane Bianche vi consiglio di fare una sosta per un gustare un ottimo gelato o una granita al bar ‘El Cubano’ uno tra i preferiti dai siracusani.

Sulla spiaggia di Fontane Bianche ci sono tanti posti dove andare a fare il bagno, lidi privati ed aree libere, con chioschetti e negozi dove poter comprare il necessario per trascorrere intere giornate al mare. Qui le località più frequentate sono tra il lido ‘Camomilla’ ed il lido ‘Sayonara’, quest’ultimo offre anche una area disco dove poter andare a ballare nei week-end. Questa zona è tra le preferite dalle famiglie e dai gruppi di giovani, qui ci sono vari parcheggi, ampi e custoditi per evitare soprattutto di prendere una multa di ritorno dal mare.

Oltre il lido Sayonara, in direzione Avola, non appena si supera un ponte, alla vostra sinistra si apre la Pineta del Gelsomineto, un luogo incantevole: l’area privata è ricca di macchia mediterranea ed il mare è cristallino ed incontaminato, alle vostre spalle potrete ammirare il rilievo ibleo che custodisce la zona di Cava Grande ed i Laghetti di Avola Antica. Vi raccontiamo una ‘chicca’: in questa zona nel 1943 si riunirono il Generale Giuseppe Castellano ed il Generale Walter Bedell Smith per firmare l’Armistizio e dare fine alla seconda guerra mondiale.

Continuando sulla stessa strada c’è la zona conosciuta come ‘Gallina’ dove, oltre i caseggiati, si apre una bellissima spiaggia sabbiosa che arriva quasi fino ad Avola, una cittadina graziosa dove poter anche andare a cena nella zona dell’ex Tonnara.

Continuando in direzione Pachino vi segnaliamo le spiagge di Noto Marina, la splendida Eloro e Calamosche e l’unica e meravigliosa Riserva Naturale di Vendicari: qui tra le rovine dell’ex tonnara, la torre sveva ed il centro visitatori potete godere di una chilometrica spiaggia incontaminata e poter fare il bagno in tutta tranquillità (la zona a sud è frequentata da naturisti non troppo molesti).

Oltre Vendicari sulla sinistra troverete lo svincolo per la spiaggia di San Lorenzo, area attrezzata con lidi e piccoli negozi, da qui si può velocemente raggiungere la spiaggia di Marzamemi, un piccolo ed antico borgo di pescatori: qui abbiamo trascorso gli anni migliori, la spiaggia è ampia ed estesa fino al centro storico frequentato da centinaia di turisti e abitanti del luogo, soprattutto nelle ore serali. Qui i ristoranti di pesce la fanno da padrone, ne vale davvero la pena ordinare qualche piatto e tra la Tonnara e la Piazza Regina Margherita si concentra tutta la movida della provincia: tra i pub ed i negozi di artigianato è facile fare l’alba.

Non siete ancora soddisfatti? Bene, saltate su in macchina e dirigetevi all’estrema punta sud della Sicilia, a pochi chilometri c’è Portopalo di Capo Passero e l’Isola delle Correnti: i luoghi dove fare il bagno sono bellissimi e tutti da scoprire, la gente del posto sarà disponibile e felice di consigliarvi i tratti di spiaggia da non perdere: Carratois, Punta di Rio, Punta delle Formiche, Costa dell’Ambra contraddistinta dai pantani costieri di Cuba e Logarini, la baia del Porto di Ulisse e Granelli.

Non dimenticate maschera subacquea, e crema solare!